“Il sindaco di Roma Gualtieri annuncia che farà l’inceneritore con il pieno sostegno del segretario nazionale del PD Enrico Letta e il plauso delle due destre di Salvini e Calenda. Facciamo i nostri complimenti alla autodefinitasi sinistra civica ecologista, a Sinistra Italiana e ai Verdi che hanno sostenuto Gualtieri e che si preparano all’alleanza col PD alle prossime politiche”.
Così in una nota Maurizio Acerbo ed Elena Mazzoni, rispettivamente segretario nazionale e responsabile ambiente del Partito della Rifondazione Comunista – Sinistra Europea, Federazione di Roma, Castelli, Litoranea
“Ovviamente l’inceneritore di Gualtieri non inquina anzi rende l’aria più pulita e profumata.
Ancora una volta ci vuole il PD per fare quello che la destra non è riuscita a fare e infatti incassa il consenso delle due destre di Calenda e Salvini – continuano gli esponenti di Rifondazione Comunista -. Letta esalta la scelta di Gualtieri come se rappresentasse il massimo della modernità mentre di fatto rappresenta la rinuncia all’obiettivo del riuso e del riciclo. Si tratta di una smentita esplicita dello stesso Piano Regionale dei rifiuti della giunta Zingaretti che non prevede termovalorizzatori. 600.000 tonnellate di rifiuti finiranno nel termovalorizzatore, altro che economia circolare!
Ovviamente Gualtieri e Letta mostrano anche che il PD, come Azione e Lega, è espressione di un ceto politico obsoleto sul piano culturale. Infatti per indorare la pillola ci propongono la patetica esaltazione dell’inceneritore di Copenaghen con la pista da sci. Ci sarebbe da ridere ma invece è meglio piangere di fronte a questa operazione di greenwashing casereccio.

Evidentemente non si sono nemmeno accorti che lo stesso governo della Danimarca ha riconosciuto il fallimento di una politica di gestione dei rifiuti incentrata sull’incenerimento e ha assunto la strategia “riciclare di più-incenerire di meno”.

Infatti la  Danimarca è il paese in Europa che produce la maggior parte dei rifiuti per abitante: circa 800 chili di rifiuti domestici all’anno, che è ben al di sopra della media UE di 490 chili. Il ministro Dan Jorgensen ha lanciato una “transizione verde nel settore dei rifiuti” per superare i problemi legati all’incenerimento che abbisogna di rifiuti da bruciare e quindi disincentiva riciclaggio e riuso che sono gli obiettivi prioritari anche della Direttiva Europea 851 del 2018. Gualtieri e Letta bocciati anche in ecologia”, concludono Acerbo e Mazzoni.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here