Nel 2018 l’Anac ha ricevuto 783 segnalazioni di whistleblowing (65 al mese), ovvero più del doppio rispetto alle 364 del 2017. Nei primi sei mesi del 2019 ne sono giunte già 439 (73 al mese). In media, si tratta di oltre due segnalazioni di illeciti al giorno.

Uno degli aspetti più interessanti è rappresentato dall’aumento delle segnalazioni che l’Anac, dopo averne riscontrato la fondatezza, ha inviato per approfondimenti di natura penale o contabile.
Nel 2018 sono state inviate 20 segnalazioni alla Procura della Repubblica e 19 alla Corte dei Conti. Nei primi 6 mesi del 2019 gli invii alla Procura sono già stati 33 e quelli alla Corte dei Conti sono 29.
Si tratta di una crescita che evidenzia un sensibile miglioramento della qualità delle segnalazioni e di una maggiore fiducia nei confronti dell’istituto.
Come arrivano le segnalazioni – A febbraio 2018 l’Anac ha messo a disposizione sul suo sito una apposita applicazione informatica protetta per il whistleblowing. Attualmente l’82% delle segnalazioni arrivano in questo modo. La parte restante arriva in modalità cartacea.
Da dove arrivano le segnalazioni – Nel 2019 aumentano le segnalazioni provenienti dal Sud e dalle Isole, si registra una leggera flessione per quelle del Centro Italia, mentre diminuiscono quelle che arrivano dalle amministrazioni del Nord. Anno 2018: Nord 32,1%, Centro 22,9%, Sud e Isole 41,3% (non indicato nel restante dei casi) Al 30 giugno scorso: Nord 26%, Centro 20,1%, Sud e Isole 51,7% (non indicato nel restante dei casi)
Chi segnala – In più della metà dei casi il whistleblower è un dipendente pubblico (55,3 delle segnalazioni), un lavoratore/collaboratore di una impresa fornitrice della Pubblica amministrazione (14,2%) o un dipendente di società controllate o partecipate 14%. I dirigenti sono poco più del 5%. Da rilevare come nel primo semestre 2019 siano già giunte 15 segnalazioni (4,2%) da militari e appartenenti alle Forze dell’ordine. In tutto il 2018 erano state 11.
Cosa si segnala – Tra le tipologie di illeciti segnalati i più frequenti si confermano gli appalti illegittimi (22,6%). In calo i casi di corruzione, cattiva amministrazione ed abuso di potere (passati dal 24,1% del 2018 al 18,7% del 2019). A seguire, concorsi illegittimi (12,3%), cattiva gestione delle risorse pubbliche o vicende di danno erariale (11,5%) e i conflitti di interessi (9%).
Dove lavora chi segnala – Oltre un terzo delle segnalazioni arrivano da dipendenti di Regioni ed enti locali (38,3%). In significativo aumento la voce “altre amministrazioni ed enti pubblici” (ministeri, enti previdenziali, autorità indipendenti, agenzie pubbliche, etc.), salite dal 17,6 al 27,7%.
Che fine fanno le segnalazioni –  Uno degli aspetti più interessanti è rappresentato dall’aumento delle segnalazioni che l’Anac, dopo averne riscontrato la fondatezza, ha inviato per approfondimenti di natura penale o contabile. Nel 2018 sono state inviate 20 segnalazioni alla Procura della Repubblica e 19 alla Corte dei Conti. Nei primi 6 mesi del 2019 gli invii alla Procura sono già stati 33 e quelli alla Corte dei Conti sono 29. Si tratta di una crescita che evidenzia un sensibile miglioramento della qualità delle segnalazioni e di una maggiore fiducia nei confronti dell’istituto. A ottobre 2018, ad esempio, grazie a un whistleblower sono stati eseguiti alcuni arresti per corruzione all’Agenzia delle entrate; lo scorso novembre, invece, Roma Capitale ha effettuato il primo licenziamento per assenteismo scaturito da una segnalazione analoga.
A seguire, alcune delle principali segnalazioni trasmesse dall’ANAC a Procura e Corte dei Conti:
 Pressioni per la riammissione di un concorrente legittimamente escluso da una gara [Regione del Centro]
 Utilizzo illegittimo di permessi sindacali [Comune del Nord]
 Nomina illegittima del comandante del corpo di Polizia Municipale [Comune del Nord]
 Presunti appalti illegittimi [Comune del Nord]
 Presunta mala gestio nonché favoritismi politici che avrebbero portato al mancato recupero di esposizioni debitorie [Ente pubblico Nazionale]
 Assunzioni senza procedura di selezione e in carenza di requisiti [Ente pubblico Nazionale]
 Favoritismi in favore di alcuni operatori del commercio ambulante [Comune del Centro]
 Falsa attestazione della presenza in servizio [Ministero]
 Presunti concorsi truccati [ASL del Sud]
Ai sensi della legge 179/2017, che ha affidato all’Autorità nazionale anticorruzione il compito di verificare, e sanzionare, eventuali misure discriminatorie nei confronti dei whistleblower, (le multe possono andare da 5mila a 50mila euro a seconda dei casi) l’ANAC ha avviato finora 8 procedimenti sanzionatori: 4 sono stati archiviati, gli altri sono tuttora in corso per gli accertamenti del caso.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here