“Abbiamo creato un fondo per il rilancio del lavoro. Un fondo di garanzia a favore di negozi, commercianti e piccole imprese della città duramente penalizzati dall’emergenza coronavirus, per sostenerli in questo difficile momento e aiutare concretamente i loro dipendenti”. Così la sindaca di Roma Virginia Raggi sulla sua pagina facebook.
“Dobbiamo evitare che chi ora è in grandi difficolta cada nella morsa dell’usura e si rivolga alla criminalità organizzata – spiega la prima cittadina -: è un pericolo che dobbiamo contrastare con ogni mezzo.
Si tratta di un’iniziativa importante che mettiamo in campo grazie al Protocollo di Intesa con l’Ente Nazionale per il Microcredito. Con uno stanziamento nel bilancio di Roma Capitale istituiamo un Fondo di Garanzia pari a 3 milioni di euro, per promuovere e sviluppare programmi di microcredito, educazione finanziaria e cultura d’impresa finalizzati a sostenere e rivitalizzare il tessuto economico e sociale della città. Ringrazio il presidente dell’Ente Nazionale per il Microcredito Mario Baccini, l’assessore capitolino al Bilancio Gianni Lemmetti e tutti coloro che hanno lavorato a questa intesa.
Il fondo prevede che i finanziamenti vengano assegnati a chi ne fa richiesta con la semplice promessa di restituzione. I beneficiari potranno restituire il prestito per alimentare nuovamente la capacità di garanzia del fondo e così permettere ad altri potenziali imprenditori di accedere al credito. Si tratta di ossigeno per chi non ha la possibilità di rivolgersi agli istituti di credito.
Inoltre, grazie alla collaborazione con l’Ente Nazionale per il Microcredito, potranno seguire corsi di formazione relativi agli aspetti finanziari. Una serie di tutor seguirà ed accompagnerà i richiedenti nello sviluppo della loro attività.
Il fondo è rivolto principalmente a tutti coloro che non possono offrire garanzie agli istituti di credito e che, per tal motivo, restano esclusi dal circuito finanziario e rischiano di finire nella morsa dell’usura. Questo fondo ha una chiara finalità anti-usura e di contrasto alla criminalità. Al momento l’amministrazione ha impegnato 3 milioni di euro come dotazione iniziale, a questi potranno aggiungersi i contributi di altri enti ma anche di cittadini e grandi aziende private.
È necessario intervenire subito, con tutti i mezzi possibili, con ogni soluzione amministrativa, per dare sollievo, ristoro e ossigeno alle piccole imprese, alle famiglie e ai giovani, a tutti quelli che sono stati colpiti duramente dalla pandemia. Nessuno deve rimanere indietro”, conclude Raggi.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here