“Reati tributari imprescrittibili”. Così titola stamattina Italia Oggi. Dopo la riforma i termini si allungano fino a 13 anni. I riflessi sull’applicazione delle nuove sanzioni sulla frode modificata dal decreto fiscale.

Reati tributari quasi imprescrittibili – si legge sul quotidiano -: la stretta del decreto fiscale 124/2019 che punisce le frodi con il carcere sino a 8 anni allunga la prescrizione a quasi 11, che superano addirittura i 13 anni al realizzarsi di un atto interruttivo.

Praticamente il doppio rispetto alla maggior parte dei delitti contemplati dal nostro sistema penale, come ha sottolineato anche il colonnello Luigi Vinciguerra del Comando generale della Guardia di finanza durante l’audizione in commissione finanze alla Camera sulla misura.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here