La Regione Lazio stanzia 970mila euro per l’istituzione sul territorio regionale di 8 agenzie per la Vita Indipendente, luoghi in cui la persona diversamente abile può essere accolta, ascoltata da consulenti e accompagnata verso un percorso personalizzato mirato alla promozione dell’autonomia e dell’inclusione nel contesto di vita di riferimento. A dare notizia dell’approvazione in Giunta regionale della DGR, che sancisce il suddetto provvedimento, è l’Assessore alle Politiche Sociali Welfare, Beni Comuni e ASP Alessandra Troncarelli.

Le agenzie per la Vita Indipendente dovranno garantire l’erogazione dei servizi in modo quanto più possibile omogeneo sul territorio del Lazio e a tale scopo saranno così distribuite: una con sede a Roma capitale; 3 nell’area metropolitana di Roma, rispettivamente nei territori di competenza delle Asl RM4, RM5 e RM6; 4 nelle province del Lazio, rispettivamente nei territori delle 4 Asl di riferimento (VT, RI, FR e LT).

Sarà emanato un avviso pubblico riservato agli Enti del Terzo Settore che, in forma singola o associata, potranno attivare le agenzie per la Vita Indipendente e promuovere reti significative nella comunità e con i servizi  pubblici, tra cui distretti socio sanitari e distretti sociali, con i quali dovranno operare concordando le modalità operative di azione e formalizzando opportuni accordi e protocolli.

Un’équipe multiprofessionale valuterà i progetti da predisporre per la singola persona accolta nell’agenzia per la Vita Indipendente, in modo da proporre un piano personale che rappresenti la migliore sintesi tra le aspettative del beneficiario e la valutazione multidimensionale.

I cittadini potranno essere accolti nelle agenzie sia da persone con disabilità, i cosiddetti consulenti alla pari, sia da figure professionali, tra cui assistenti sociali, consulente per la mobilità personale, educatore professionale; in questo modo il diretto interessato potrà usufruire anche del servizio di peer counselling, dialogando e confrontandosi in maniera diretta su difficoltà e bisogni, al fine di individuare soluzioni e proposte adeguate alle sue esigenze.

“Le agenzie per la vita indipendente possono rappresentare un ponte tra le persone disabili, le loro famiglie e i servizi sul territorio – commenta l’assessore Troncarelli –. Propongono percorsi di accompagnamento all’autonomia e accrescono la capacità della comunità di garantire il pieno ed effettivo riconoscimento dei diritti della persona con disabilità, progettando e realizzando iniziative ed interventi volti a superare discriminazioni e a creare condizioni di pari opportunità”.

“La Regione Lazio ribadisce la propria vicinanza alle persone più fragili e alle loro famiglie, che potranno trovare in queste agenzie un servizio di ascolto e orientamento – conclude l’assessore -. L’educatore e il consulente alla pari saranno un aiuto fondamentale per cercare di individuare, insieme al diretto interessato e ai suoi cari, desideri, preferenze e obiettivi di vita. Con questo atto aggiungiamo un importante tassello alla programmazione regionale affinché nessun cittadino si senta solo, ma parte integrante della comunità”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here