“Abbiamo suggerito al sindaco  Gualtieri di usare i poteri speciali che gli sono stati conferiti con il decreto-legge n.50 del 17 maggio 2022. Ci fa piacere che il sindaco abbia recepito le nostre proposte”. Così in una nota la capogruppo della Lista Calenda Flavia De Gregorio.
“Le misure da prendere su gestione e raccolta dei rifiuti vanno adottate rapidamente, con o senza cabina di regia,  Roma – aggiunge la capogruppo di Azione– non può permettersi un livello di degrado e incuria ineguagliabile con qualsiasi altra capitale europea. E’ necessario prendere il ‘toro per le corna’, non bastano le enunciazioni, il Giubileo è alle porte e il biglietto da visita della città non può essere quello che vediamo. Se AMA così non ce la fa si facciano assunzioni, si applichino contratti di servizio municipali e deleghe decentrate ai rifiuti, si facciano emergere le sacche di inefficienza e di opacità come accaduto sull’individuazione del terreno a Santa Palomba. Serve una riorganizzazione dell’azienda non più elefantiaca ma improntata al metodo SMART (specifico, misurabile, raggiungibile,rilevante, basato sul tempo). Modernità ed efficienza oggi non ci sono. Il modello che conosciamo probabilmente non è più all’altezza di fare fronte ai contratti di servizio. La gestione dei cimiteri, il diserbo, la raccolta dei rifiuti e quella differenziata  non funzionano. I cassonetti sono rotti  e le isole dove sono collocate non vengono pulite ed igienizzate. I cestini sono pochi o inadeguati. Infine, la spazzatura è quasi del tutto assente. Avanti in fretta con il termovalorizzatore si, ma intanto la città deve essere pulita e presentabile. Se AMA non è in grado di sopperire a questo carico di competenze – conclude De Gregorio-  si intervenga con nuovi assetti su cui il sindaco può far valere i poteri speciali conferitegli. L’eredità dell’ex sindaca Raggi è pesante, per questo motivo i romani hanno indicato  il sindaco Guatieri per invertire la rotta disastrosa della giunta a 5 stelle. Ora serve un orizzonte di cambiamento che purtroppo i cittadini ancora non vedono”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here