“Mentre l’assessora all’Ambiente Sabrina Alfonsi annuncia pomposa l’imminente conclusione positiva dell’iter autorizzativa e il consigliere calendiano Carpano preconizza che i lavori saranno conclusi entro il 2025, la Soprintendenza del Ministero della Cultura ha dato parere negativo sugli aspetti paesaggistici in merito all’apertura della quarta linea del termocombustore di San Vittore del Lazio, in provincia di Frosinone. Inoltre, per il sito gestito da Acea Ambiente a noi risulta che la conferenza dei servizi sia ancora aperta. A cosa si deve insomma questo trionfalismo in pompa magna di Alfonsi sul termocombustore che notoriamente non è affatto risolutivo del deficit impiantistico per quanto concerne il trattamento e lo smaltimento dei rifiuti indifferenziati? La quarta linea è solo uno specchietto per le allodole, oltretutto inquinante e per nulla di ausilio nello smaltimento e nel trattamento dei rifiuti. Tutti gli annunci di Alfonsi e Gualtieri insomma sono stati toppati da questa amministrazione, incluso il Piano straordinario di pulizia da 40 milioni”.

 

Così in una nota Daniele Diaco, consigliere capitolino M5S e vicepresidente della commissione Ambiente.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here