“La pessima figura dell’incendio di Malagrotta non ha messo il freno a Gualtieri e ai suoi sul fronte rifiuti, anzi, secondo quanto si apprende, entro la fine di luglio Ama sarebbe in attesa di una risposta del ministero della Transizione Ecologica per la realizzazione dei due biodigestori anaerobici a Cesano e Casal Selce con fondi PNRR, ma sarebbe intenzionata a realizzarli ugualmente a settembre, anche senza. Vogliamo ricordare ai ‘finti smemorati’ del PD che Cesano e Casal Selce sono proprio tra i territori della Capitale che più hanno scontato nel recente passato in termini di impatto ambientale negativo. Cesano, nel Municipio XV, per via della presenza di elettrosmog di radiostazioni, impianti di trattamento acque e strutture con scarti nucleari, e Casal Selce, nel Municipio XIII, per la estrema vicinanza con la Valle Galeria, che da decenni è la ‘pattumiera’ dell’Urbe. E’ scandaloso che due municipi, per altro entrambi alla periferia nord ovest della città, debbano sorreggere il carico di rifiuti di tutta Roma. Si faccia un piano rifiuti completo e degno di questo nome, con mini impianti su tutti i territori, a basso impatto. Cesano e Casal Selce non debbono essere le vittime sacrificali di questa politica scellerata del Pd, senza scrupoli e calata dall’alto, come sempre senza condivisione con i territori. Siamo pronti a barricarci dinanzi a quelle zone di agro romano di pregio che la sinistra ha scelto per essere trasformate in immondezzai, costi quel che costi, a Gualtieri e ai suoi lo diciamo, non avranno vita facile”.

Così in una nota Daniele Giannini, consigliere regionale della Lega.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here