“Sono arrivati circa 200 vigili urbani, bussano in tutte le case, controllano i bollettini pagati della luce, del gas, degli affitti. Controllano se gli inquilini hanno i contratti di affitto e sanzionano chi non ce l’ha, dimenticando che è proprio il Comune di Roma a non chiamare gli inquilini per registrare i contratti”. Lo afferma in una nota Asia USB.

“Il loro motto è: ‘sei inquilino delle case popolari quindi sei un delinquente’ – prosegue il sindacato -. E come tale viene trattato ogni regolare assegnatario, giovane o anziano che sia.
Controllano gli inquilini ma non le piazze e le vie di San Basilio, dove alla luce del sole ferve l’attività dello spaccio.
Praticano la caccia all’uomo o alle donne che chiedono spiegazioni e che oltre allo stato di abbandono dei quartieri devono subire anche queste azioni inqualificabili!
Non ci si preoccupa degli inquilini quando il Comune di Roma o l’Ater non accendono i termosifoni, non fanno i servizi, non manutengono gli alloggi.
Qualcuno si è montato la testa e rincorre farsescamente compiti che rientrano nelle prerogative di altre strutture dello Stato.
Basterebbe impegnare questi uomini e donne nelle strade della città di Roma e forse avremmo più sicurezza nella mobilità e meno demagogica propaganda.
ASIA-USB invita oggi all’assemblea che si terrà alle ore 17,30 al Centro Popolare Fabrizio Ceruso in via Girolamo Mechelli 132″, conclude Asia USB.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here