Raddoppiano le risorse finanziarie per il 2022 stanziate da Roma Capitale per l’acquisto di immobili da destinare alle politiche per la casa. Lo hanno annunciato oggi il Sindaco di Roma Roberto Gualtieri e l’Assessore al Patrimonio e alle Politiche Abitative Tobia Zevi nel corso di un incontro in Campidoglio con sindacati degli inquilini e movimenti per il diritto all’abitare.

Nell’ultimo bilancio approvato dall’Amministrazione Capitolina erano già stati stanziati circa 100 milioni di euro per l’acquisto di immobili destinati a questa finalità, ma ora lo sforzo di Roma Capitale si rafforza sensibilmente. Infatti, l’Amministrazione ha identificato delle risorse aggiuntive dal rendiconto di bilancio e questa cifra sarà più che raddoppiata: passerà dagli attuali 100 milioni a circa 220 milioni di euro complessivi per quanto riguarda il 2022.

La realizzazione di un Piano straordinario di intervento per il diritto alla casa è un obiettivo prioritario per l’Amministrazione Capitolina. Sarà finalizzato a lenire l’emergenza abitativa e a sostenere il diritto alla casa per le romane e tutti i romani. Il Piano sarà composto da una serie coordinata di azioni volte a recuperare il patrimonio esistente, a migliorarne la qualità, ad abbattere i costi energetici e ad aumentare lo stock di immobili per lo scorrimento delle graduatorie dell’Edilizia Residenziale Pubblica.

“Stiamo lavorando con grande intensità per affrontare il problema della casa a Roma, un’emergenza che si trascina da molto tempo anche a causa dell’assenza in passato di politiche pubbliche e di risorse adeguate. Sin dall’inizio questa Giunta ha lavorato per invertire la rotta, ora abbiamo fatto una scelta molto forte: aggiungiamo 120 milioni di euro alle risorse già destinate per il 2022 all’acquisto di immobili E.R.P. arrivando così a 220 milioni complessivi. Abbiamo infatti identificato risorse aggiuntive dal rendiconto di bilancio, la cui fetta maggiore andrà sui temi legati alla casa. È un grande salto di qualità delle politiche nel segno dell’inclusione e dei diritti. Proseguiremo in questa direzione con altri interventi significativi a partire da un Piano straordinario sui temi del diritto alla casa, utilizzando al meglio tutte le risorse, comprese le opportunità fornite dal Pnrr. Proseguendo il nostro impegno nella programmazione di bilancio 2023-2025, lavoreremo per aumentare la quantità e la qualità del patrimonio di edilizia residenziale pubblica, agiremo per il recupero di quello esistente nel segno della qualità edilizia e della sostenibilità energetica e continueremo a intervenire su tutti i diversi temi che riguardano l’emergenza abitativa. Il diritto all’abitare è un pilastro irrinunciabile della nostra azione amministrativa”, ha dichiarato il Sindaco di Roma Roberto Gualtieri.

“Nei primi sei mesi di attività abbiamo provveduto ad una ricognizione dei principali dossier aperti sulla Casa, confrontandoci ripetutamente con le organizzazioni, i cittadini e i soggetti interessati. Era chiaro fin da subito che fosse necessario aumentare il numero delle case da mettere a disposizione dei cittadini in difficoltà. Stanzieremo in totale 220 milioni di euro per l’acquisto di immobili, prediligendo quelli che appartengono al patrimonio pubblico; una cifra enorme rispetto a quelle stanziate negli anni precedenti. Inoltre, lavoreremo senza sosta per effettuare un piano straordinario di manutenzione del patrimonio E.R.P, sfruttando le risorse del Pnrr e avviando ulteriori due bandi, finanziati direttamente dal Dipartimento, per la predisposizione di Accordi Quadro per far fronte alle esigenze di manutenzione ordinaria. Sarà un Piano straordinario di intervento per il diritto alla casa, tanto importante quanto necessario”. Queste le parole dell’Assessore al Patrimonio e alle Politiche Abitative, Tobia Zevi.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here