“Al consigliere Pacetti basterebbe leggere gli atti della Regione per stare tranquillo senza affidarsi ai fuori onda del sindaco. Se avesse letto le carte avrebbe scoperto che entro il 9 agosto RFI partirà con i primi cantieri che proseguiranno poi nel 2022. Saranno effettuati lavori di riammodernando, completamento dell’armamento, elettrificazione e tecnologia della linea, con un investimento regionale di 70 milioni di euro. Inoltre lunedì prossimo la commissione di gara aprirà le offerte economiche per l’acquisto dei nuovi treni che serviranno la linea e dal 30 agosto avvieremo la manutenzione straordinaria degli MA 200. Raccomandiamo quindi al consigliere Pacetti di usare la medesima attenzione alla società partecipata di Roma che invece è riuscita nell’incredibile impresa di farsi sospendere l’esercizio di ben 4 treni da ANSFISA perché non revisionati nei tempi indicati dalla agenzia. Con notevoli disagi per il servizio e soprattutto per i passeggeri. Ricordo al consigliere Pacetti che è grazie ai nostri servizi sostitutivi o integrativi nella pandemia, al nostro mancato taglio ai trasferimenti della quota del fondo nazionale trasporti destinata a Roma Capitale che il Campidoglio ha continuato ad avere i fondi necessari per fare il proprio lavoro e che sarebbe il caso di spendere le poche centinaia di migliaia di euro all’anno necessarie a fare la manutenzione dei treni, invece di blaterare sui 180 milioni che stiamo investendo sulla Roma Lido. Sarebbe il caso di non buttare tutto a chiacchiere e sorrisetti, a luoghi comuni e bugie, a narrazioni farlocche. Sarebbe il caso di fare tante cose e parlare molto meno”.

Così in una nota l’assessore regionale alla Mobilità, Mauro Alessandri.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here