Oltre 4mila le verifiche eseguite dal personale della Polizia Locale di Roma Capitale in questo fine settimana, secondo il piano di vigilanza rafforzato che il Comando Generale ha predisposto per verificare il rispetto delle disposizioni atte a fronteggiare l’emergenza epidemiologica da Covid-19.
Diversi gli interventi che si sono resi necessari per situazioni e comportamenti irregolari. In particolare, per due attività commerciali sono scattati i provvedimenti di chiusura, mentre altri locali pubblici sono stati diffidati e sanzionati per violazione delle norme anti contagio. Una decina, invece, le persone perseguite perchè sorprese a circolare durante l’orario del coprifuoco senza giustificato motivo.

Nel quartiere di Torre Angela Municipio6, gli agenti hanno riscontrato illeciti per più di 5mila euro di sanzioni presso un minimarket della zona, per il quale è stato eseguito anche il provvedimento di chiusura a seguito delle gravi carenze igienico-sanitarie rilevate durante gli accertamenti, svolti in collaborazione con personale Asl: dalla presenza di escrementi di topo nei locali alle violazioni delle misure a contrasto della diffusione del contagio. Sequestrati inoltre più di 20 chili di alimenti in quanto privi di tracciabilità o scaduti.

Sanzioni e sequestri di merce alimentare sono stati eseguiti in un altro mini market nel quartiere Colli Albani municipio7, contravvenzionato anche per la vendita di alcolici fuori dall’orario consentito.

Un ulteriore provvedimento di chiusura ha riguardato un negozio sito in un centro commerciale nel quartiere di Tor Bella Monaca municipio6, il cui gestore stava svolgendo attività di vendita al dettaglio, in violazione alle norme previste sulla chiusura degli esercizi all’interno dei centri commerciali nelle giornate festive e prefestive.
Alcuni titolari di locali pubblici, invece, sono stati sanzionati in diverse zone della Capitale, per la somministrazione di cibo e bevande ai tavoli o nelle adiacenze delle attività oltre le ore 18.00.
Situazioni che in alcuni casi hanno portato alla formazione di assembramenti.
Numerosi anche i posti di controllo, attivati su tutto il territorio capitolino, per verificare il rispetto delle prescrizioni sulla limitazione degli spostamenti in vigore dalle ore 22 alle 5 del mattino: una decina le persone sorprese a circolare senza giustificato motivo.

L’attività di vigilanza andrà avanti, ponendo sempre attenzione alle condotte che possono mettere a rischio la salute della collettività.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here