L’esodo dei medici italiani dalle strutture ospedaliere mette sempre più in crisi il SSN. “Quanto in questi giorni sta trovando ampio risalto nelle cronache nazionali, come rilanciato anche da un servizio andato in onda sul Giornale Radio Rai di questa mattina, lo denunciamo da tempo” dichiara con preoccupazione Gianluca Giuliano, Segretario Nazionale della Ugl Salute.

“In tanti si accorgono – prosegue il sindacalista – di un problema che avevamo già da tempo sollevato. Ma ormai le porte degli ospedali sono inesorabilmente spalancate in uscita come dimostrano cifre che sono da brividi. Siamo di fronte a quasi 19.000 unità che hanno lasciato i nostri nosocomi. 8.000 camici bianchi hanno presentato dimissioni volontarie mentre 12.645 sono coloro non più in servizio per pensionamenti, invalidità e decessi. E così il SSN affonda sempre di più, zavorrato dalla cronica incapacità di istituzioni e politica nel trovare soluzioni concrete che superino slogan demagogici che ormai sono stantii”. Le cause dell’abbandono per dimissioni sono tante. “La condizioni in cui i medici ospedalieri si trovano a prestare servizio, a cui si somma il disbrigo di pratiche amministrative che non dovrebbero essere di loro competenza, sono insostenibili. Turni massacranti – dice ancora il Segretario Nazionale della Ugl Salute – si sommano a un disagio dovuto alle pressioni che si vivono nei pronto soccorso e nelle corsie. I casi di aggressioni fisiche sono ormai giornalieri e si aggiungono a quelle verbali da parte di pazienti o loro parenti esasperati da un sistema ormai in tilt. Sono così in aumento le malattie da stress professionali già accertate ma il conto salato, legato anche a questi anni di impegno nell’emergenza covid, verrà certamente pagato nei prossimi anni con un ulteriore aumento di casi di burn out. Tutto questo di fronte a una assoluta mancanza di programmazione. Così la scelta di optare per il regime privato o andare oltre frontiera per lavorare all’estero diventano un’opzione che impoverisce sempre di più i nostri ospedali. Non c’è tempo da perdere e bisogna immediatamente intervenire per fermare la fuga indirizzando ingenti risorse che sblocchino in maniera definitiva il turn over e offrano così l’occasione di stabilizzare i precari. Chiediamo anche di adeguare le funzioni dei medici ospedalieri rendendoli parte sempre più attiva della governance clinica. Così come andrà ripensato, in accordo con il mondo dell’istruzione, il percorso di formazione e immissione nel mondo del lavoro dei giovani che decidono, nonostante le tante difficoltà, di puntare ancora sulla carriera di medici ospedalieri” conclude Giuliano.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here