“Scuola, al via i bandi semplificati per 40mila assunzioni di docenti”, titola stamattina Il Sole 24 Ore in prima pagina. Nuovi criteri da dicembre: prove scritte con 50 quesiti, orale e valutazione titoli.

A pagina 3: “Concorsi a scuola: 50 quesiti e orale. Arrivano nuove regole più snelle”. Cattedre, il ministro dell’Istruzione Bianchi accelera sui bandi semplificati per l’assunzione di 40mila docenti. Selezioni più semplici da dicembre con una prova scritta a quesiti, una orale e valutazione titoli.

Stanno per arrivare – in attuazione del Pnrr e delle nuove direttive introdotte in tutta la Pa dal ministro della Funzione pubblica, Renato Brunetta – delle selezioni più snelle – si legge sul quotidiano economico -: in base alle bozze predisposte dal ministero dell’Istruzione, ci saranno meno prove (un solo scritto al pc di 50 domande, poi l’orale e la valutazione dei titoli); dovranno essere banditi con cadenza annuale; varranno solo sui posti “vacanti e disponibili” nell’anno scolastico successivo a quello in cui è previsto l’espletamento delle prove selettive. In due decreti ministeriali di una ventina di articoli l’uno – uno per infanzia/primaria e l’altro per medie/ superiori – si riscrive la normativa sul reclutamento. Il ministro Patrizio Bianchi ha deciso di accelerare, e di far ripartire i concorsi nella scuola, e soprattutto di bandirli con cadenza annuale. I primi bandi arriveranno per metà dicembre, e riguarderanno le due selezioni già previste per circa 40mila posti totali (circa 13mila a infanzia e primaria, circa 27mila a medie e superiori), che vedono oltre 500mila candidati. Due restano i canali per accedere ai concorsi a cattedra: l’abilitazione, conseguita anche all’estero (purché riconosciuta in Italia) e la laurea (il titolo richiesto per la specifica classe di concorso) unita al possesso dei 24 crediti formativi universitari nelle materie antro-psico-pedagogiche. A infanzia e primaria i requisiti sono l’abilitazione all’insegnamento conseguita presso i corsi di laurea in scienze della formazione primaria o il possesso del diploma magistrale ante 2001/2002 (i giudici gli hanno riconosciuto valore di abilitazione). Per il sostegno, occorre (sempre) il titolo di specializzazione. (…)

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here