“Infermiere e psicologo, due figure professionali che devono essere introdotte in tutte le scuole del Lazio”. Lo propone Rodolfo Lena, Presidente della Commissione Affari Costituzionali della Regione Lazio e componente di quella Sanità, in merito alla reintroduzione del medico scolastico.

“Da quando esiste la figura del pediatra pubblico – continua Lena – all’interno delle scuole abbiamo bisogno di due figure distinte: innanzitutto dello psicologo, che è fondamentale e indispensabile per intercettare la sofferenza dei nostri giovani che, quando è presente, non può essere lasciata gestire alla volontà o capacità di un dirigente scolastico di aprire uno sportello psicologico. I nostri ragazzi hanno bisogno di una continua interlocuzione, anche nel mondo della scuola, perchè non è detto che gli insegnanti siano sempre in grado di ascoltarli e capirli. Penso che questa figura sia necessaria per sostenere i nostri figli nel loro percorso di maturità e crescita. Per quanto riguarda il medico scolastico, proprio perchè c’è già una presa in carico da parte del pediatra, potrebbe essere sufficiente, a dare quelle risposte di sanità all’interno delle scuole, anche la figura dell’infermiere scolastico, considerate le difficoltà che possono comunque esistere nell’organizzazione territoriale dei pediatri e dei medici di medicina generale. Dobbiamo capire le necessità dei nostri ragazzi all’interno della scuola per definire le prerogative e le figure che devono intervenire” conclude Lena.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here