La Fondazione Enpaia, nella Sala Capitolare del Senato, ha presentato la Relazione Annuale 2020, con cui sono stati comunicati i risultati raggiunti e indicate le prospettive di rilancio del settore agricolo per andare oltre la crisi sanitaria, economica e sociale dovuta alla diffusione del Covid-19.

 

AGRICOLTURA, ASSET STRATEGICO

 

Il 2020 sarà ricordato per la pandemia, con le sue gravissime ripercussioni in termini di vite umane e di danni al sistema economico. Un periodo complesso e delicato, durante il quale, però, la filiera agricola, ad ogni livello, ha continuato a funzionare con grande capacità e coraggio, nonostante il lockdown e le misure di restrizione, facendo sì che gli esercizi commerciali fossero sempre riforniti di prodotti alimentari, senza interruzione alle catene di produzione, distribuzione e vendita, confermando di essere un asset strategico per lo sviluppo del nostro Paese.

 

FONDAZIONE ENPAIA IN CRESCITA

 

A dicembre 2019 risultavano iscritti 42.647 lavoratori (+2,5% rispetto al 2018) impiegati presso 9.185 aziende (+2,9%). L’Emilia-Romagna si conferma la Regione con il maggior numero di iscritti attivi (oltre 6mila), seguita da Veneto, Toscana e Lombardia. Il 2019, inoltre, si è chiuso con un avanzo economico di 15 milioni di euro e prestazioni erogate per 162.881.390 euro.

Sono numeri significativi, che evidenziano come la Fondazione Enpaia in questi mesi abbia continuato a lavorare con obiettivi precisi. Non a caso, anche la gestione finanziaria ha prodotto risultati rimarchevoli+2,7% per la gestione mobiliare (risultato migliore rispetto al 2018, che aveva segnato +2,4%); +2% il rendimento netto della gestione immobiliare, in aumento rispetto al 2018 (+1,6%); infine, il patrimonio a valori di mercato si è assestato a 2.258.914.667 euro, in crescita del 3,3% rispetto al consuntivo del 2018.

 

GRANDE ATTENZIONE PER GLI ISCRITTI E LE IMPRESE

 

A dimostrazione della vicinanza ai bisogni degli associati nella gestione della crisi, la Fondazione ha provveduto alla sospensione dei versamenti contributivi fino al 30 settembre, riprogrammandone la riscossione a partire da ottobre. Anche gli investimenti “mission related” hanno assunto una nuova caratterizzazione alla luce della pandemia.

La Fondazione ha poi deciso di sostenere le aziende e i lavoratori iscritti con interventi di decontribuzione (i primi) e l’erogazione di una provvidenza (i secondi) durante la pandemia, per circa 29 milioni di euro, sostenibili grazie alle riserve del patrimonio netto, che ammontano a circa 137 milioni di euro e ai risultati positivi della gestione finanziaria attesi nei prossimi esercizi.

Dalla Relazione emerge però la necessità che il Governo incentivi il contributo dei soggetti privati alla ripresa, soprattutto sul fronte fiscale. Rammarico, inoltre, viene espresso per la mancata detassazione delle misure di sostegno diretto agli iscritti che gli Enti di previdenza privati hanno approntato durante la pandemia.

 

SETTORE AGRICOLO, RINASCITA E ‘MADE IN ITALY’

 

Con la Relazione 2020 la Fondazione Enpaia traccia, infine, un nuovo percorso di rinascita del settore agricolo, auspicando un maggiore coinvolgimento nella innovazione tecnologica e nell’uso dell’intelligenza artificiale, con l’obiettivo di sostenere le imprese nel loro sviluppo, in una prospettiva di allargamento dei mercati e di miglioramento della qualità della produzione. In questo ambito è rilevante la forza di penetrazione sui mercati esteri dei prodotti agricoli “made in Italy”, come è emerso nello studio dell’Osservatorio Enpaia-Censis, che ha evidenziato come oltre il 91% acquisterà più prodotti alimentari di origine italiana per la qualità e la sicurezza ad essi riconosciuta, oltre che per solidarietà agli agricoltori.

Per il Presidente di Enpaia Giorgio Piazza “la Fondazione Enpaia ha una struttura previdenziale solida e in costante espansione nell’attuale contesto macroeconomico, nonostante le difficoltà dovute alla crisi generata dalla pandemia. Abbiamo chiuso il 2019 con un avanzo economico di 15 milioni di euro, erogando prestazioni per circa 163 milioni di euro. Teniamo molto ai nostri 43mila iscritti, per i quali abbiamo sospeso il versamento dei contributi fino al 30 settembre, ora siamo pronti a valutare l’adozione di ulteriori misure. Alle istituzioni politiche e di Governo chiedo di condividere e supportare i nostri obiettivi, definendo un assetto normativo e fiscale all’altezza delle sfide della nuova normalità imposta dall’emergenza sanitaria”.

 

Secondo il Direttore Generale della Fondazione Enpaia, Roberto Diacetti, “le casse previdenziali rappresentano un importante strumento di sviluppo del nostro Paese, garantendo ai propri iscritti, oltre alle prestazioni pensionistiche, un welfare attivo, innovativo e dinamico e investimenti in economia reale e nel mondo dell’agricoltura. In quest’ottica la Fondazione Enpaia, pur salvaguardando l’equilibrio tra prudenza e redditività negli investimenti, continuerà anche nel 2020 a guardare con interesse quelli mission related e quelli di carattere infrastrutturale e ESG”.

Per il Sottosegretario all’Economia e Finanze, Pier Paolo Baretta: “La pandemia ha reso evidente il peso e il ruolo dell’agricoltura, dell’agroalimentare e dell’agroindustriale, che devono diventare strategici nello sviluppo della nostra economia. Mi congratulo per l’attività di Enpaia come Osservatorio nella valutazione delle dinamiche del settore e ritengo decisivo affiancare i propri iscritti costruendo allo stesso tempo forme di assistenza e di partecipazione. Occorre, tuttavia, un salto di qualità anche nelle politiche finanziarie, perché le Casse sono fondamentali anche come operatori finanziari in un’ottica di lungo periodo. Nella prossima agenda di lavoro si dovranno trovare soluzioni a problemi annosi, come quello fiscale e quella gestionale, affrontando una ingiusta tassazione delle Casse al 26% e migliorando le condizione della loro autonomia gestionale”.

Stanislao Di Piazza, Sottosegretario al Lavoro: “Enpaia si è distinta in questo difficile periodo per la sospensione dei contributi e si tratta di buone pratiche nel rispetto di una nuova visione dell’economia. Anche il Governo con il decreto Ristori bis ha seguito questa linea della decontribuzione per le imprese attive nel settore della filiera agricola, della pesca e dell’acquacoltura ed è disposto a sostenere l’intero comparto”.

Il presidente della Commissione Bicamerale degli enti gestori di previdenza, Sergio Puglia, ha condiviso la scelta di Enpaia “di prevedere, in questa fase, la sospensione dei contributi. In effetti, le casse di previdenza stanno svolgendo un ruolo fondamentale in questo scenario caratterizzato dall’emergenza sanitaria, anche attraverso l’erogazione dei sussidi che il Governo ha previsto per i professionisti iscritti”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here