“Le lavoratrici e i lavoratori di Roma Termini, che rischiano il posto a causa del restyling deciso da Grandi Stazioni, scenderanno in Piazza del Campidoglio, lunedì 9 novembre a partire dalle ore 10, per manifestare e difendere i propri diritti”. Lo scrivono in una nota Filcams CGIL Roma Lazio, Fisascat CISL Lazio e Roma Capitale e Rieti, Uiltucs Roma e Lazio, aggiungendo che “i lavori programmati da Grandi Stazioni porteranno, all’interno della Galleria Centrale, a una serie di interventi di modifica degli spazi. Per il 30 novembre è prevista la riconsegna di diversi siti commerciali, tra cui McDonald’s Termini Galleria – Buffet Roma Termini, Ristorante Gusto, Mr. Panino e Rosso Sapore, questi ultimi  di proprietà della società Chef Express. È inaccettabile che questi grandi marchi del settore della ristorazione, che da anni operano all’interno della Stazione Termini, non abbiano ritenuto di poter fornire formali garanzie di continuità occupazionale, preannunciando, anzi, un esubero di diverse centinaia di lavoratrici e lavoratori”.
“Nessuno venga meno alle proprie responsabilità  e le Istituzioni intervengano – si legge nella nota dei sindacati – per fermare un’ emergenza che rischia di gettare nello sconforto centinaia di famiglie, già provate a livello economico da una situazione critica per il settore della ristorazione commerciale, dovuta al lungo periodo di lockdown e alla persistente condizione di emergenza sanitaria”.
“Un verbale della Commissione Urbanistica di Roma Capitale, si conclude, ha espresso parere favorevole al progetto di riqualificazione della Stazione di Roma Termini e, dagli atti pubblici,  si evince che la delibera per l’approvazione dei lavori non è stata ancora sottoposta al voto del Consiglio Comunale.  Sollecitiamo un incontro urgente tra Comune di Roma, Grandi Stazioni e le aziende coinvolte, per riportare tutti a una comune presa di responsabilità sociale”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here