“Approvata all’unanimità dal Consiglio Regionale del Lazio la prima legge regionale per abbattere al 4% l’IVA sugli assorbenti igienici femminili e, soprattutto, la prima legge in Italia a legiferare sulla povertà mestruale e sullo stigma sociale del ciclo. Si abbatte il tabù del ciclo mestruale: ancora una volta siamo i primi in Italia ad approvare un testo innovativo per eliminare le diseguaglianze di genere”.
 Così Sara Battisti, presidente della commissione regionale Affari Costituzionali, proponente e prima firmataria della Legge sul Cashback dell’iva per l’acquisto di assorbenti e altri supporti igienici femminili.
“Nonostante le numerose sollecitazioni – spiega – il Governo nazionale ha ridotto l’iva sugli assorbenti e i prodotti igienici femminili al 10%, ma noi come Regione Lazio abbiamo voluto fare di più. Attraverso un’apposita app per dispositivi mobili, non potendo agire direttamente sull’IVA che è un’imposta nazionale, restituiamo l’IVA che riteniamo sia pagata ingiustamente: gli assorbenti igienici sono un prodotto necessario per tutte le donne, non un orpello. In Europa l’Italia, pur con l’abbattimento al 10% dell’IVA, siamo ancora fanalino di coda: in Francia è al 5.5%, in Portogallo e nei Paesi Bassi è al 6%, alcuni Paesi l’hanno del tutto abolita, come in Nuova Zelanda.
Con questo articolato non ci limitiamo ad abbassare, di fatto, l’IVA al 4%. La norma prevede anche l’ampliamento della platea delle beneficiarie di concerto con le farmacie ed i Comuni.
Rompiamo quel muro di omertà intorno ai temi del ciclo, lavorando con le scuole per sensibilizzare sul tema della “povertà mestruale” e sullo stigma sociale che grava sul ciclo. Grazie al consiglio regionale, al presidente Zingaretti, al vice Leodori e alla Sartore, ex assessore al Bilancio, per l’approvazione di questo storico testo. Ancora una volta – conclude – con grande orgoglio, siamo i primi in Italia a farlo”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here