Italia Oggi – Sette stamattina titola così a pagina 15: “Usuranti, aziende all’appello”. Sanzioni da 500 a 1.500 euro per chi non adempie, si legge nel sommario. Scade il 31/3 la comunicazione obbligatoria delle attività da parte dei datori di lavoro, riporta l’occhiello.

Carla De Lellis scrive: “Scade il 31 marzo la comunicazione obbligatoria delle attività usuranti. I datori di lavoro sono tenuti a denun- ciare se e quali tipi di lavorazioni usuranti hanno svolto i dipendenti nel corso del 2018. In caso di omissione, previa diffida ad adempiere, si è puniti con la sanzione da 500 a 1.500 euro. Le comunicazioni. La comunicazione in scadenza a fine mese va fatta con il modello «Lav_Us» (dm 20 settembre 2011 e nota minlavoro n. 4724/11) (…)”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here