“Esprimo pieno sostegno e condivisione all’iniziativa delle associazioni consortili di recupero urbano che questa mattina hanno manifestato davanti al Dipartimento di Programmazione e Attuazione Urbanistica”. Così in una nota Dario Nanni consigliere del VI Municipio.
“E’ vergognoso quello che è accaduto in questi anni nei confronti dei consorzi di autorecupero criminalizzati e bloccati dall’attuale amministrazione. Oggi i cittadini del VI municipio ricordano la vicenda di due centri polifunzionali di Prato Fiorito e Villaverde i cui lavori sono terminati da anni ma che per una serie di reiterate richieste e ritardi sono ancora chiusi ed inutilizzabili dai cittadini. Parliamo di due strutture con decine di sale e spazi esterni che potrebbero essere un punto di riferimento per ragazzi e anziani in quelle zone periferiche della città”. 
“Ma la vicenda dei due centri polivalenti è una delle tante questioni che hanno visto coinvolti i consorzi che in questi anni hanno visto bloccare progetti con decine di milioni bloccati nei conti correnti delle banche. Per non parlare dei toponimi, strumento urbanistico che consentirebbe di riqualificare intere zone della periferia oggi totalmente dimenticati. Questa vicenda – conclude Nanni – da la cifra del fallimento totale dell’amministrazione 5 stelle nelle periferie, dove in 5 anni non è stato speso un euro per la sua riqualificazione e dove neanche le opere ultimate vengono prese in carico e messe a disposizione dei cittadini”.
Lo comunica in una nota Dario Nanni consigliere del VI Municipio.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here