“Durante l’inaugurazione del nuovo Anno Accademico, tenutasi lo scorso giovedì 30 Gennaio, il Direttore Generale dell’Università degli Studi Roma Tre ha annunciato la volontà dell’amministrazione di procedere con l’assunzione di circa 50 nuove unità di personale tecnico amministrativo.

Auspichiamo, anche a fronte delle diverse interlocuzioni avute da noi con l’amministrazione dell’Ateneo, che fra queste 50 unità rientri la stabilizzazione dei circa 44 precari del personale tecnico amministrativo che da anni prestano il loro servizio presso le strutture dell’Ateneo e che attendono l’applicazione dell’articolo 20 comma 2 del dlgs 75/2017 ‘Decreto Madia’”. Così in una nota la FLC CGIL Roma e Lazio. 

“Il cosidetto ‘Decreto Madia’, infatti, da possibilità a tutti gli Enti della Pubblica Amministrazione di stabilizzare i precari TAB a tempo determinato e con contratti flessibili (ad esempio contratti di collaborazione) che operano da anni in quell’ente secondo dei requisiti e attraverso delle modalità previste nella norma.

Da circa un anno la FLC CGIL di Roma Tre ha messo in campo un percorso per chiedere l’applicazione dell’articolo al fine di stabilizzare i precari che da anni svolgono attività nel nostro Ateneo.

Il personale tecnico, amministrativo, bibliotecario e i collaboratori esperti linguistici coinvolti in questa battaglia hanno lavorato per tanti anni con contratti precari, ad esempio con contratti di collaborazione o le più svariate forme contrattuali di tipo flessibile, che non permettono di svolgere un lavoro con la dignità necessaria – prosegue il sindacato -.

Questi lavoratori hanno svolto con professionalità delle funzioni fondamentali che permettono alla nostra università di tenere aperti i corsi di laurea, le sedi e più in generale di soddisfare tutte le funzioni.

Alla luce della battaglia di cui ci siamo fatti portatori in prima istanza, riteniamo fondamentale che l’Ateneo dia seguito alla sua promessa, che chiarisca le modalità e le tempistiche di svolgimento delle procedure di stabilizzazione.

Per questo abbiamo chiesto un incontro all’amministrazione dell’Ateneo in cui affrontare queste questioni.
Vigileremo affinché tutte le procedure previste vadano a buon fine ma, fin da ora, possiamo dire che a Roma Tre è stato finalmente raggiunto un importante risultato per le lavoratrici e i lavoratori.

Per discutere di questo e informare tutti coloro che sono interessati, convochiamo un’assemblea per il giorno Venerdì 15 febbraio ore 13.00, presso il dipartimento di Lettere e Filosofia di Roma Tre ( via ostiense 234 )”, conclude la FLC CGIL

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here