Il 14 Settembre, Sylvio Giardina alla presenza della Sindaca Virginia Raggi, presenta il progetto Frangiamore: un’inedita videoinstallazione che parla tutti i linguaggi della moda.

Stratificazioni a Roma: FRANGIAMORE è la storia di una famiglia unita, di rievocazioni. È anche una forma di riconoscenza verso una città che ha saputo, egregiamente, valorizzare la creatività di Sylvio Giardina.

Stratificazione è un archivio che trova valore nell’immagine impressa di due innamorati che si lasciano immortalare, con una immagine in bianco e nero, dinanzi all’Altare della Patria. Una miscellanea, tra passato, presente e futuro, che necessita di essere recuperata attraverso un racconto influenzato da una bellezza persuasiva.

Sovrapposizioni. Due immagini che si accavallano, delineano contorni indefiniti. Tradizione e innovazione si intrecciano nei luoghi simbolo della città in un amarcord di accordi visivi tra abiti couture e classiche ambientazioni osservate in chiave contemporanea.

Con il cortometraggio Frangiamore, Sylvio Giardina recupera memoria e magnificenza sviluppando il progetto su una palette di colori definita. Il nero, tonalità sognante e rassicurante; il rosso che rappresenta la passione per la moda del couturier. Il bianco, infine, è l’elogio ai veri precursori del Made in Italy, gli artigiani. Mani preziose che
tutelano il nostro patrimonio culturale con devozione.

Frangiamore è uno short movie realizzato grazie ad un archivio storico ricco di spunti. Giardina loda il suo sentimento nei riguardi dell’Alta Moda mediante le passate collezioni Vertigo, Monocromo e Dark Celebration. Abiti couture. Strutture definite, architettoniche. Ventagli di tulle e goffrature. Increspature e cuciture. Piccoli fiocchi, quasi a schiudersi come petali di rose su abiti in dettagli generosi.

A far da cornice, i loci del cuore e dell’anima: Piazza del Campidoglio, Scala del Vignola, Cortile Palazzo dei Conservatori, Cortile Palazzo Nuovo, Piazza della Rotonda – Pantheon e Villa Torlonia.

[testo a cura di Stefania Carpentieri]

 

 

Sylvio Giardina
Tra i massimi esponenti dell’Alta Moda italiana, Sylvio Giardina coniuga il savoir-faire della couture parigina e l’heritage tradizionale dell’artigiano del nostro Paese. Parigi e Roma, così, sono destinate a incontrarsi in ogni sua collezione. La prima, come culla del couturier; la seconda, come città che stimola la sua fervida creatività. Giardina, nato nella Ville Lumière (ma vanta origini siciliane) studia presso l’Accademia di Costume e Moda di Roma.
Conclusa l’esperienza accademica, inizia a lavorare presso l’atelier di Fernanda Gattinoni dove mette in pratica quanto studiato durante gli anni e affina la sua tecnica da couturier.
Dopo aver co-fondato il marchio Grimaldi Giardina, fonda la sua eponima Maison. Valori fondamentali della sua griffe sono sartorialità, tradizione, innovazione ma anche culto del bello. Ogni sua esclusiva collezione è realizzata In Italia con il supporto di artigiani del mestiere che coadiuvano alle creazioni di capi d’Alta Moda, difficilmente riproducibili. Tagli virtuosi, strutture scenografiche, geometrie che s’intersicano: l’arte della moda di Sylvio
Giardina è la quintessenza stessa del modus (sostantivo latino che significa foggia e misura) e della sua fruibilità.

Photo credit: Tania Alineri

____

Photo credit: Tania Alineri

____

Photo credit: Tania Alineri

____

 

Crediti
photo Tania Alineri
stylist Valeria J. Marchetti
model Serena Archetti @monster_mgmt
hair Alessandro Messina
make-up Antonia Pappalardo

contatti
Sylvio Giardina
Via Emanuele Filiberto 271
00185 Roma – Italy

PRESS OFFICE
Raffaele Granato
www.sylviogiardina.com

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here